spora # 32

Piccola emotività surrogata o domenica in affitto. È straziante rendersi conto che non riusciamo più ad aggirare il tempo cronologico e a scambiare il giorno con la notte, o che non siamo più… Continua a leggere

spora # 31

Dall’alto di questo aereo che mi riporta a Bologna, fuori è fumoso e le nuvole si sovrastano prepotenti non lasciando alcuna speranza di limpidezza, la durata del volo sembra quasi infinita, ogni attimo… Continua a leggere

spora # 30

S’incomincia così, smontando e mettendo a nudo le viscere di un esistenzialismo che alle due di notte di una domenica è come il fondo di un pozzo secco. Si diviene i chirurghi del… Continua a leggere

spora # 29

Dal diario di bordo di un lento viaggio verso il nulla, da un futuro in panne, da una nave che lentamente sta andando alla deriva, su cui navighiamo e che ha già salpato… Continua a leggere

spora # 28

Qualche sera fa sfogliando il quaderno di poesie di una mia amica, mi sono imbattuta in questa frase sottolineata in fondo al foglio: “Bologna vomito di esperienze fortunatamente sbagliate.” E in quel momento… Continua a leggere

spora # 27

Il Rio Doce è morto. O almeno per i prossimi dieci anni, o per il prossimo secolo. Morti lo sono però i piccoli e svariati mondi legati ad esso e che grazie ad… Continua a leggere

spora # 26

Cari avventurieri, in questo segmento di spazio virtuale a noi concesso, quest’oggi ci racconteremo una storia. Saremo come i giullari di corte che recitavano storielle e aneddoti a cui nessuno poteva affidare completa… Continua a leggere

spora # 25

I Tutto, per tutti, è relativo. Ognuno può scegliere di interpretare gli aspetti della vita come vuole e cambiare ogni volta che desidera miriadi di prospettive. Stare in mezzo a cielo e mare… Continua a leggere

spora # 24

Questa notte consumata in strada ha un aspetto incantevole e tragico. Ho la sensazione di aver trovato qualcosa di prezioso che in un’altra vita avevo nascosto qui solo per me, da un altro… Continua a leggere

spora # 23

È quasi l’alba. Siamo vulnerabili con poca luce solare, astrali nei nostri sconfinati labirinti. Eppure intensamente vivi. È l’alba e ognuno di noi se ne sta solo, sul cuore della terra. Forse siamo… Continua a leggere

spora # 22

Cos’è quella sensazione che si prova quando ci si allontana in macchina dalle persone e le si vede recedere nella pianura fino a diventare macchioline e disperdersi? È il mondo troppo grande che… Continua a leggere

spora # 21

Soltanto una cosa è più contraddittoria di un sentimento: l’essere umano. Nello specifico l’essere umano che non ha la fermezza di esprimere a se stesso e quindi al mondo quel sentimento, per quanto… Continua a leggere

spora # 20

Strade bombardate di terrore. Terremoti di battiti cardiaci scuotono l’etere. Sagome sconosciute mi ronzano intorno. Ombre di qualche spirito amico alle mie spalle. Sparsi qua e là, come branchi di lupi radunati sulle… Continua a leggere

spora # 19

“Bologna mi fa paura.” Mi ha detto una volta un mio amico. Quel ricordo mi è risuonato nella mente come un rimbombo qualche giorno fa. Era tardo pomeriggio, mesto e piovoso. Era domenica.… Continua a leggere

spora # 18

Canto alla beatitudine (o alla felicità e a chi fra tanti ha pensato di darle questo nome, anche all’estasi quando il cielo è pieno di sé). All’intuizione della fantasia, al brivido che scuote… Continua a leggere